domenica 15 giugno 2014

musica per le nostre orecchie... recupero creativo piatti della batteria!



 l'anno scorso ho ricevuto un messaggio da una mia ex-corsista 
che mi chiedeva se mi interessavano dei piatti della batteria
che erano stati del suo ragazzo che suona in un gruppo

era tanto che cercavo dell'ottone da recuperare,
... a un corso di eco-gioielli a cui avevo partecipato qualche anno fa,
avevamo utilizzato un vecchio braciere,
ma come dire o ce l'hai ed è rotto altrimenti se lo devi comprare
anche usato per poi distruggerlo mi sembra davvero
un'operazione assurda!

e così finalmente
mi ritrovavo con cinque bei piatti di ottone, crepati e rotti in diversi punti,
di diverso colore (immagino che il motivo sia la diversa lega dell'ottone)
e non sapevo da dove partire...

mi ci è voluto un bel po' di tempo per capire come poterli lavorare e 
con l'aiuto di un orafo gentile della mia città
alla fine ce l'ho fatta!
(se pensate che il dremel l'ho tenuto in cantina 4 anni... questa volta sono stata un fulmine...
un annetto e via... sono già qua ;O)

ce ne ho messo di tempo,
ma diciamo che la cosa...
più che dispiacermi,
mi rende felice
perchè a volte non bisogna mollare,
bisognare perseverare, non arrendersi, seguire un po' che le cose facciano il loro corso e pazientare
(e io diciamo non sono proprio la regina della pazienza ;O)

a volte pensiamo che se non ci viene tutto subito, non siamo capaci, o stiamo perdendo tempo
e anche a me capita spesso di pensarlo
ma quando si tratta di immaginare e di creare qualcosa di particolare
il tempo me lo prendo volentieri...
e se poi alla fine arriva la soluzione allora vuol dire
che era lì che mi aspettava!
(ognuno poi se la racconta come vuole, no? ;O)

oggi vi presento le prime due cose che ho fatto con l'ottone
che in questo caso non sembra nemmeno ottone, almeno quello classico,
ma quasi oro (quasi)!

una collana con ciondolo LOVE e pietre

e un paio di orecchini (ottone e teak burma - dalla Birmania)

gli orecchini fanno parte di una sperimentazione che sto facendo
in collaborazione con un artigiano del legno, Paolo Bucci,
Pipe maker per passione

dai suoi scarti di legno,
ebano, teak burma e presto anche radica,
lavorati con cura e precisione,
è nata questa idea

qui sotto li vedete con alluminio di recupero e quarzo (ebano macassar)

o con rame di recupero e agata (ebano macassar)

che ne pensate di questi abbinamenti?
sono solo all'inizio e mi piacerebbe continuare per vedere cosa salta fuori :)


vi saluto,
vi auguro una buonissima settimana
e ringrazio tanto tutti quelli che mi contattano con i loro "scarti" particolari
che io... con calma... sono pronta a recuperare!


                                                             Ciao, a presto Claudia

9 commenti:

  1. Musica maestra!
    Brava la mia Clod!
    Nico

    RispondiElimina
  2. Di bene in meglio!
    Proprio bello l'abbinamento con il legno! Gli ultimi due mi piacciono molto!
    Continua così!

    RispondiElimina
  3. Grande Claudiaaaa, usare l'ottone dei piatti di una batteria! Ottimo risultato!!!
    Peccato avere un bassista in casa, non posso riciclare nulla! :(

    RispondiElimina
  4. Stupendo insolito riciclo! =)
    Dani

    RispondiElimina
  5. A me piacciono molto, apprezzo l'accoppiata legno e metallo e magari anche con qualche pietra! Brava, e complimenti per il metallo-riciclo!

    RispondiElimina
  6. sono contenta che l'idea vi sia piaciuta... la strada è lunga... e io continuo a sperimentare!!
    Grazie a tutte!

    RispondiElimina
  7. Ogni tanto riesco a passare, eh? Ne to facendo tantissime tutte insieme, perdonami!
    Le collane love sono belle quasi quanto le ombrelline, continua così!!!

    RispondiElimina

E' UN PIACERE LEGGERE I VOSTRI COMMENTI, SUGGERIMENTI E CONSIDERAZIONI!
NON IMMAGINATE NEMMENO QUANTO SIANO UTILI PER ME!
CIBO PER LA MENTE E PER IL ♥!

grazie davvero
clod

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...